Società

Per coloro che non hanno deciso chi votare, eccovi un’alternativa alla casta !

Posted on aprile 7, 2008. Filed under: Italia, MalagutiMania, News in Italia, Novità, Politica, Società, Video |

Premetto che personalmente chi vi scrive non andrà a votare per decine e decine di motivi, il più importante è perchè sono Napoletano e per me sarà un sollievo non recarmi alle urne ed è un modo per dissentire su tutto ciò che hanno fatto alla mia Città e alla mia Campania.

Però….però, mi sento di dire la mia a tutti voi che invece ritenete giusto andare a votare.

Purtroppo sapete benissimo che la disinformazione in Italia è una cosa voluta, un paese che è al 40° posto nella classifica della libertà di stampa già ti fà capire che situazione drammatica si vive da questo punto di vista.

Dopo questa premessa, vi vorrei dire chi avrei scelto se fossi andato a votare.

Avrei scelto senza dubbio Stefano Montanari

candidato nella Lista Civica Nazionele ” Per il bene comune

Tengo a precisare che io con questo post non voglio dirottare voti su Stefano Montanari per qualche motivo personale o altro, ma perchè ritengo sia una persona stanca come lo siamo noi che vuole fare qualcosa per il paese realmente.

Ma come fai a dire questo? direte voi !

Perchè è un personaggio che da anni lotta contro gli inceneritori e fà la sua campagna elettorale su Youtube, su internet, sul blog, in modo esclusivo.

Visto che non possono permettersi di spendere Milioni di euro per rovinare le nostre città come fanno tutti gli altri partiti .

Eccovi un’intervista che penso dobbiate ascoltare per capire chi è Stefano Montanari e perchè non è uno di loro.

Recentemente da quel LOSCO di Bruno Vespa

Con questo post spero di avervi dato l’alternativa che cercavate o comunque spero di averVi fatto pensare che le alternative ci sono ma sono nascoste o per lo meno non a portata di TV, quindi cercate e cercate bene.

Buon Voto 😉

http://movement.meetup.com/60/boards/

http://www.perilbenecomune.net/Programma


Clicca qui!

Update

Cari (e)lettori di tutte le opinioni politiche,

centrodestra e centrosinistra sono così distanti dai noi cittadini comuni che, visti da quaggiù, ci sembrano la stessa cosa. Ci sembrano la stessa cosa perché in fondo sono la stessa cosa. lo sappiamo, ce lo hanno ampiamente dimostrato in questi anni. E purtroppo sappiamo anche che nessuno di loro ha davvero l’obiettivo di cambiare questo Paese in meglio.

Quando citano l’espressione “voto utile”, la prima cosa che dovremmo chiederci è: “Utile a chi”?
Utile a noi cittadini? Utile a loro? Utlie a chi?
Il voto utile è quello che vuole cambiare le cose quando le cose vanno male. Questo è il solo voto utile che esiste, perché se le cose vanno bene, il nostro voto, tutto sommato, è superfluo. Al contrario, quando le cose vanno male, il nostro voto è sempre utile. Ancora più utile, poi, se è speso bene.

Ci dicono che i piccoli partiti costano allo Stato “ben” 10 milioni di euro l’anno, ma non dicono che i grandi partiti costano a noi cittadini più di 500 milioni di euro. E non dicono neppure che mantenere le 570.000 auto blu (gli Usa ne hanno 70 mila) costa ogni anno 35 MILIARDI DI EURO, cioè più di una grossa manovra finanziaria. Ecco dove finiscono i nostri soldi. Ed ecco dove continueranno a finire se non usciamo subito, qui, ora, dall’incantesimo del “voto utile”. Perché parliamo di incantesimo?  Riflettiamo… I grandi partiti dicono che il voto utile è quello dato a loro… Che cos’altro dovrebbero dire? Che il voto utile è quello dato agli altri? 😀 Tante risate e… Fine dell’incantesimo!

Sì, ma allora che cosa facciamo? Chi votiamo?

È facilissimo… Se questa classe politica non ci piace e sappiamo che di loro non ci possiamo più fidare, allora dovremmo tutti fare esattamente il contrario di quello che ci dicono di fare! Dicono che il voto utile è solamente quello dato ai grandi partiti? E NOI VOTIAMO SOLAMENTE I PICCOLI!

Eppoi lo vediamo anche in televisione, nei confronti televisivi e nelle tribune elettorali: i piccoli partiti sono oggi gli unici soggetti politici che hanno proposte serie, gli unici con soluzioni sensate e, in tantissimi casi, con idee “prêt-à-porter”, pronte all’uso, di facile e immediata applicazione. Idee vere e tante novità.

Volevamo i giovani? Ci sono! Noi di “Per Il Bene Comune” partiti abbiamo candidato tantissimi giovani, consultate le nostre liste elettorali e verificate voi sessi.
Volevamo facce nuove? Le abbiamo! Noi tutti siamo persone nuove.
Volevamo una politica dalla parte delle persone? Eccola! Il nostro programma (all’indirizzo www.perilbenecomune.net) è stato fatto dalle persone. Tutte le nostre proposte arrivano da associazioni e gruppi di cittadini liberi. Sono proposte della gente per la gente… E sono tutta un’altra musica!

Alle elezioni del 13 e 14 aprile, le risposte ai nostri problemi esistono. Sono risposte vere, che arrivano dai piccoli e dai nuovi partiti, che non chiedono altro che di essere messi alla prova. Non ci fanno le solite grandi promesse, ma ci propongono invece un gran numero di idee per risolvere una volta per tutte i nostri problemi. Ecco qual è il voto utile.

lista civica nazionale “PER IL BENE COMUNE”
siamo presenti in tutta Italia, votateci!
www.perilbenecomune.net
visitate il nostro sito, leggete il nostro programma!

PS
Ragazzi, mancano pochissimi giorni… Aiutateci! Se il nostro programma vi piace, inviate il link al nostro sito a tutti i vostri contatti. E parlate di noi!!!

Annunci
Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Bonus 300 euro per rottamazione – Incentivi anche per le moto

Posted on febbraio 19, 2008. Filed under: Ambiente, Buone notizie, Ecoincentivi, Italia, Malaguti, Moto, Motori, News in Italia, Scooter, Società |

Arriva un bonus di 300 euro a favore di chi rottama una moto e un motorino vecchio e inquinante e contestaulmente ne acquista un altro di categoria euro 3. E’ quanto prevede un emendamento concordato tra maggioranza e opposizione e che sarà inserito nel decreto milleproroghe.

La nuova rottamazione, che si applica fino a dicembre 2008, riguarda l’acquisto di un motociclo fino a 400 centimetri cubici nuovo, di categoria ‘euro3’, con contestuale sostituzione di un motociclo o ciclomotore di categoria ‘euro 0’. Insieme al bonus di 300 euro è previsto anche il bollo gratis per 1 anno. Il costo della rottamazione è posto a carico del bilancio dello stato, nei limiti di 80 euro per ciascun motociclo e di 30 euro per ciascun ciclomotore. Per i motocicli acquistati tra il 31 dicembre 2007 e la data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, gli adempimenti per la rottamazione possono essere effettuati entro il 31 marzo 2008.

Il milleproroghe, nella versione approvata dal consiglio dei ministri prevedeva, fino al 31 dicembre 2008, la validità delle norme sulla rottamazione delle moto contenute nella scorsa finanziaria (il bollo gratis per 5 anni)

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 1 so far )

Discorso di Capodanno di Beppe Grillo, la verità!

Posted on dicembre 31, 2007. Filed under: Attualità, Cultura, Internet, Istituzioni, Italia, News in Italia, Società, Video | Tag:, , , , , , , , , , , , |

Ecco il discorso di Beppe Grillo che si vuole sostituire ironicamente a quello del Presidente della Repubblica.

Beh a mio avviso molto meglio il suo che ci ricorda davvero come stanno le cose che la presa in giro di Napolitano.

Cosa dirà quest’anno il Presidente, quello che ha detto l’anno scorso?Quello che dicono ogni fine anno?

Che l’Italia è un grande paese, un paese in crescita, non dobbiamo mollare e bla bla bla….bugie storielle per farci credere che và tutto bene!!

BASTA!!! Guardatevi il video di Beppe

Clicca qui!
Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 11 so far )

Un enorme grazie agli Autotrasportatori Italiani, di cuore ! Ecco perchè….

Posted on dicembre 13, 2007. Filed under: Ambiente, Attualità, Auto, EcoCarburanti, Ecologia, Generale, Istituzioni, Motori, News in Italia, Società | Tag:, , , , , , , , , |

Vorrei ringraziare personalmente tutti gli autotrasportatori che hanno organizzato il blocco in questi giorni per i seguenti motivi:

1) Avete fatto si che nella mia città io abbia potuto respirare aria buona. Ho ritrovato quell’aria o forse meglio chiamarla con il giusto nome Ossigeno, che non sentivo da quando ero piccolo.

Da quando andavo a scuola e in città il Sabato non si camminava con le auto per tutta la giornata.

Anche adesso ci sono le giornate ecologiche ma non è la stessa cosa, le auto in giro ci sono lo stesso, tra furbi, furbi autorizzati, Euro 4-5-6-7-8…….. insomma è una farsa, invece voi avete fatto in modo che tutti l’abbiano dovuto rispettare, cosa che a nessun Comune d’Italia è mai riuscita.

2) Conseguenza del primo punto. E’ stato bellissimo muoversi a piedi senza traffico, sembrava di essere in una città d’Europa, tipo Amsterdam, tipo Valencia.

3) Sarò cattivo ma è stato bello vedere persone che usano la macchina anche per comprare le sigarette, stare in pena, si è stato bello! Gente che era prontissima a farti avere la benzina sottobanco ad un prezzo maggiorato.

Sceneggiate alle pompe per scavalcare la fila. Figli che accompagnavano i genitori a lavoro perchè la macchina di Papà era senza benzina.

4) Cosa grandissima avete evitato che milioni di teste di Caxxo andassero in giro!!! Come di solito fanno.

5) Io penso che meritiate un premio ed un riconoscimento dal ministero della Salute.

Molti non capiranno quello che ho scritto, e sono sicuro che saranno quei Milioni di teste di caxxo che avete lasciato a piedi 😉

Grazie di da me e i miei polmoni .

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 7 so far )

L’importanza della partecipazione! Da una riflessione di un amico

Posted on dicembre 8, 2007. Filed under: Attualità, Buone notizie, Cultura, Generale, I nostri amici, Iniziative, Internet, Italia, MalagutiMania, Napoli, Salute, Società |

I pensieri e le azioni giuste devono essere diffuse, così io oggi vi propongo quella di un amico che è assistant del Meet Up di Acerra

Perchè ci siamo ridotti in questo stato?
Perchè ovunque ci voltiamo vediamo immondizia, sporcizia e incuria?
Perchè quando parliamo dei nostri amministratori non riusciamo ad esprimere neanche un giudizio positivo?
Perchè in tutte le manifestazioni pubbliche di qualsiasi genere la partecipazione della popolazione è sempre scarsissima?

Ho posto anche a me le stesse domande e sono giunto a delle conclusioni più o meno giuste, ma comunque ho fatto dei ragionamenti.

Ho pensato e ripensato a queste domande e secondo me la causa siamo noi.

Si! Può essere un giudizio forte ma credo che la responsabilità sia proprio nostra. Se il politico ruba, se la monnezza è per le strade, se non facciamo la raccolta differenziata, se ci costruiscono l’inceneritore e se la vita sociale è stata annientata è solo colpa della nostra indifferenza.

E’ da 30 anni che i nostri costumo di vita sono cambiati, la gente si è andata via via chiudendo nelle proprie case cercando di avere sempre meno contatto con l’esterno, con la società adducendo spesso motivazioni incocludenti, tipo “non ho tempo”. La mancanza di tempo addotta da ognuno ha fatto in modo che la nostra società, la nostra vita e le nostre azioni quotidiane cambiassero davanti ai nostri occhi e noi la assistessimo indifferenti.

Secondo me tutto dipende dalla mancanza di partecipazione: non serve criticare lo stato delle cose senza muoversi e scendere in piazza, non serve blindarsi in casa aspettando che chissà quale miracolo divino ci riporti alla democrazia delle Agorà Greche.

Quello che intimamente desideriamo non ce lo darà mai nessuno senza che ce lo prendiamo con il nostro impegno personale, nessuno mai ci offrirà l’opportunità di cambiare le cose con la bacchetta magica ma solo con la PARTECIPAZIONE potremmo aspirare a vedere concretizzato quello che desideriamo, cioè una società migliore.

Rivolgo, quindi, a voi iscritti a questo forum un appello alla partecipazione, innazitutto su questo luogo di democrazia virtuale che è il Meetup e poi per strada in qualunque modo si possa realizzare qualche iniziativa.

Il nostro compito non è solo quello di vedere tangibilmente le cose che cambiano ma dobbiamo considerare che ogni volta che ci troviamo per strada e spieghiamo a qualcuno quello che pensiamo, adducendo come motivazione vere informazioni (al contrario dei media) in quel momento piantiamo un seme che se curato produrrà un frutto, cioè un cittadino.

Chi di noi si può definire cittadino? Chi vive veramente la propria città?

Probabilmente nessuno, quindi invito tutti coloro che leggeranno questa email a partecipare e a diventare cittadini, solo così potremmo alimentare la speranza in un prossimo cambiamento!

Un abbraccio
SaL

 Clicca qui!

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 4 so far )

Ecco la soluzione per lo Smaltimento dei Rifiuti, pagare i cittadini per la raccolta differenziata e in Europa già funziona [VIDEO]

Posted on novembre 14, 2007. Filed under: Ambiente, Attualità, Buone notizie, Ecologia, Esteri, Internet, Italia, MalagutiMania, Novità, Salute, Società, Video |

Guardate questo video, succede a Stoccolma non su Marte !

adesso se credete come mè che si possa fare anche da noi e che sia una delle soluzioni alternative ai maledetti inceneritori, fate girare questo video in tutti i modi, grazie.


Clicca qui!

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 3 so far )

Emergenza Rifiuti – Ortaggi coltivati vicino all’area di stoccaggio di Taverna del Re a Giugliano….mmmm che schifo [Video]

Posted on novembre 6, 2007. Filed under: Ambiente, Ecologia, Italia, MalagutiMania, Napoli, News in Italia, Salute, Società, Video |

Che ve ne pare, mangereste mai quelle verdure coltivate li vicino alla discarica?

Sicuramente No, ma io vi dico che le mangerete ed in qualunque parte dell’Italia vi troviate, perchè non potete sapere da dove vengono quando andate a fare la spesa.

Ecco perchè bisogna intervenire e fare qualcosa ecco perchè bisogna dire no agli inceneritori.

Ecco di seguito alcune foto inviateci da Lorus un nostro caro lettore.

Image Hosted by PicturePush - Photo and Video SharingImage Hosted by PicturePush - Photo and Video SharingImage Hosted by PicturePush - Photo and Video Sharing

Altri articoli correlati clicca qui


Clicca qui!

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Questa è la realtà in Italia

Posted on ottobre 19, 2007. Filed under: Attualità, Blogroll, Istituzioni, Italia, MalagutiMania, Società | Tag:, , , , , , |

Dal sito di PieroRicca che noi seguiamo vi segnalo come viene fotografata in modo perfetto la situazione socio-lavorativa in Italia da un ragazzo che è dovuto “scappare” dall’Italia per poter vivere una vita normale, cosa che non può fare chi rimane in questo paese.

—————————————————-

La lettera di Luigi, architetto napoletano a Londra.

Caro Piero,

mi aggiungo a tutti i fratelli (d’Italia) costretti ad emigrare dal
loro Paese perché stanchi di dover sempre chinare il capo e chiedere aiuto
a questo politico o a quel vescovo.
In verità devo ammettere che io non ci ho neanche provato, per essere più
precisi non mi è stata data nemmeno la possibilità di provare.
Ho 27 anni, sono di Napoli, mi sono brillantemente laureato in architettura lo scorso anno e
quando, dopo qualche settimana, mi sono presentato nello studio del
professore che mi ha seguito, lui senza troppi preamboli mi ha detto di
andare via dall’Italia perché non c’è posto per nessuno, a cominciare
dall’università, in cui ormai non cambiano neanche più i nomi sulle
scrivanie tanto se le passano di padre in figlio come fossero un titolo
nobiliare. Sconvolti, ma non troppo, da queste crude dichiarazioni, io e la
mia compagna, anche lei architetto, decidemmo di fare i bagagli e partire.
Venimmo a Londra, dove viviamo e lavoriamo da più di un anno. Si hai capito
bene, lavoriamo, abbiamo una bella casa al centro di Londra e, cosa ancora più
incredibile, riusciamo a rispiarmare, a mettere ogni mese qualcosa da parte
per poter un giorno, non so, comperare un casa, aprire una nostra
attività. Tutte cose che nel nostro Paese e nella nostra città
ci sarebbero state negate. Probabilmente ora saremmo ancora a casa dei nostri
genitori lavoricchiando come schiavi in qualche studio per 400 euro al mese.
Lo so è difficile, ci vuole tanto coraggio e tanta forza per stare lontano
dai tuoi genitori, dai tuoi fratelli e dai tuoi amici, ma qui tutto è
diverso. Quel che più mi ha colpito in questo anno è il rispetto che si
ha per il lavoro e per la preparazione, qui il concetto di ‘lavoro nero’
non esiste. Ho provato a spiegarlo ai miei colleghi ma a loro sembra
qualcosa di fantascientifico: lavorare senza contratto, senza tassazione e
senza una posizione riconosciuta è inconcepibile.
E’ vero, quando parli dell’Italia la battutina sulla mafia esce sempre, ma
non ci sono preconcetti o pregiudizi, se fai il tuo lavoro onestamente e con
impegno non importa da dove vieni, che dio veneri, di che colore hai la
pelle o con chi fai l’amore. Nel mio studio siamo in tredici e di sei nazionalità
differenti. E’ cosi`ovunque, la multiculturalità qui è una realtà.
L’informazione funziona, i trasporti pubblici sono, forse, i più cari al
mondo ma funzionano: se la metro fa un minuto di ritardo l’autista ti chiede
scusa ad ogni fermata; ci sono, dove possibile, piste ciclabili e zone
verdi, tutti i musei sono gratis (perché la cultura è di tutti). Le tasse
(il livello è paragonabile a quello italiano per il lavoro dipendente con quattro
fasce di contribuzione) vengono direttamente prese dal tuo stipendio così
non ti devi preoccupare di nulla e ogni anno, se hai pagato qualcosa in più
ti viene immediatamente restituita. Aprire una partita iva non costa quasi
nulla e cominci a pagare tasse solo se superi le 5000 £ di guadagno in un
anno (ovviamente solo se non hai altri redditi). Aprire, chiudere, gestire
un conto in banca non costa niente, per i conti base. Sono anni
ormai che le unioni gay sono riconosciute dalla legge allo stesso modo di
quelle etero. Insomma le differenze sono abissali, quelli che da noi sono
obiettivi qui sono ormai diritti consolidati. Non so se mai tornerò in
Italia, ma certo non ora, ormai mi sento lontano anni luce, vedo le cose in
un’altra prospettiva. Io amo il mio paese. Qualcuno potrebbe dire che sono
un codardo che è scappato senza lottare, che ha preferito andare via
piuttosto che impegnarsi personalmente. Non so, forse è la verità.
Personalmente ho deciso di vivere la mia vita nel migliore modo
possibile e se il mio paese non mi dà la possibilità di farlo, di
costruirmi una mia vita, allora non mi sento un vigliacco ma forse un esule.

Grazie.

Luigi

——————————————————————————–

Quindi chi rimane qui ha tre alternative a questo punto

1) Andarsene, cè sempre tempo anche a 60 anni, fanno bene anche coloro che se ne vanno in Brasile a spendere la pensione magari mettendo  sù  un’attività

2) Lottare contro il Sistema e non scendere a compromessi il che equivale cmq a vivere male, ma almeno con un’obiettivo ed una speranza

3) Continuare a condurre la vita da schiavo fra lavoro,supermercati,traffico,smog e mutui, tartassato da autovelox,tasse alla ricerca di qualcuno che ti raccomandi per qualsiasi cosa anche per essere soccorso in ospedale,consapevole di essere sfruttato dal tuo datore di lavoro con il permesso dello Stato

Adesso scegli tu!

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Beppe Grillo prepara il Vday n°2 (due) !

Posted on ottobre 16, 2007. Filed under: Buone notizie, Comico, Cultura, Generale, I nostri amici, Iniziative, Internet, Ironia, Istituzioni, Italia, MalagutiMania, News in Italia, Società, vday | Tag:, , , , , , , , |

Ragazzi credo che innanzitutto sia necessario un secondo Vday e sopratutto credo che sia anche ormai ufficiale, infatti sul suo Blog oggi Beppe ha scritto questo Il prossimo V-day sarà sull’informazione. Nelle prossime settimane la data. Stay tuned!”

Se Vday 2 sarà, riguarderà l’informazione, ed a questo punto penso che riguarderà la legge che finanzia i giornali ed in generale l’editoria.

Come forse non tutti sapete, i giornali con l’aiuto dei politici ricevono finanziamenti per svariati milioni di Euro e in questo modo ovviamente ogniuno di loro tende dalla parte che gli fornisce il finanziamento, il che si traduce in una distorsione di massa degli avvenimenti o in una diffusione di massa di non avvenimenti.

In pratica l’editoria Italiana è pilotata dai partiti politici che a loro volta sono mossi da interessi economici.

Quindi in definitiva credo che il VDAY II Secondo andrà a toccare proprio questo punto, perchè se togliamo questi finanziamenti ai giornali, per mangiare saranno costretti a riportare la cronaca e i fatti senza inventarsi nulla o essere di parte altrimenti nisba, non c’è trippa  per gatti 🙂

Vi consiglio vivamente di guardare il video di cui trovate il link qui sotto 😉 

Guarda l’inchiesta di Report ” Il Finanziamento Quotidiano : report si interroga su come vengono spesi i finanziamenti dello stato nel settore dell’editoria”


 Clicca qui!

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 7 so far )

No all’incenerimento ed alle megadiscariche, per la difesa della salute, dei territori e dei beni comuni

Posted on ottobre 7, 2007. Filed under: Ambiente, Attualità, Cultura, EcoCarburanti, Ecoincentivi, Ecologia, Generale, I nostri amici, Iniziative, Internet, Italia, MalagutiMania, Malasanità, Napoli, News in Italia, Società | Tag:, , , , , , , , , |

No all’incenerimento ed alle megadiscariche
per la difesa della salute, dei territori e dei beni comuni

CORTEO NAZIONALE AD ACERRA
SABATO 13 OTTOBRE ORE 16 STAZIONE CENTRALE FS SCERRA

NO ALL’INCENERIMENTO ED ALLE MEGADISCARICHE

PER LA DIFESA DELLA SALUTE, DEI TERRITORI E DEI BENI COMUNI

In Campania, dopo 14 anni di commissariamento “straordinario” sulla gestione dei rifiuti, la “politica

dell’emergenza” è diventata una strategia per drenare soldi pubblici, sottraendo le scelte ad ogni

espressione di volontà popolare. Da Rastrelli a Bassolino, dal centrodestra al centrosinistra, un accordo

trasversale e consociativo ha espropriato ogni luogo democratico per consegnarsi agli interessi di

comitati d’affari come il gruppo Romiti-FIBE (oggi sotto inchiesta della magistratura, insieme a

Bassolino ed agli altri responsabili della gestione rifiuti di questi anni). Il muro di gomma dei poteri e

degli interessi continua così a ostacolare una messa in discussione vera del piano rifiuti, una valutazione

autentica delle alternative possibili, nel rispetto di salute ed ambiente, e garantisce invece la

riproduzione di gruppi dirigenti delegittimati dalla gente e dai fatti.

Eppure gli stessi ora stanno scrivendo il nuovo piano rifiuti tutto incentrato sull’incenerimento dei

rifiuti, che ha prodotto finora enormi depositi di ecoballe e megadiscariche, sponsorizzato oggi anche dal

ministero dell’ambiente e dal governo prodi, mentre giorno dopo giorno vengono alla luce nuove

informazioni scientifiche sulla estrema nocività degli inceneritori, non solo per la diossina ma anche per

l’impatto delle patologie da nanoparticelle e per il difficile smaltimento delle polveri residue (circa un

terzo della spazzatura bruciata si trasforma in ceneri altamente tossiche da smaltire in discariche

speciali).

L’apertura dell’inceneritore di Acerra, il più grande, inquinante e obsoleto d’Europa in una cittadina

assurta a simbolo della devastazione ambientale, e già riconosciuta “Comune in emergenza diossina”

rappresenta il via libera all’ulteriore devastazione della salute e dell’ambiente, il lasciapassare per gli

altri 2 inceneritori previsti in Campania e gli oltre 14 sul piano nazionale. Opere naturalmente

finanziate con soldi pubblici (il 7% delle bollette ENEL che noi paghiamo) grazie all’utilizzo illegittimo dei

fondi per l’energie alternative, i c.d. CIP 6.

E’ questa una condizione emblematica di quello che in diverse forme avviene in tutto il paese:

il volere dei poteri forti prevarica sempre quello delle comunità e porta avanti una gestione del territorio

fondata esclusivamente sull’utilizzo di inceneritori e discariche, costruzione di centrali termoelettriche a

olio combustibile, a carbone, a turbogas, progetti di rigassificatori, basi militari, treni veloci, etc, in un

contesto in cui corruzione, commissariamento dei poteri democratici, istituto della “concessione” in

regime emergenziale, diventano altrettante strade per tutelare l’arricchimento privato contro il

benessere collettivo. Per tutti questi motivi abbiamo indetto una

MANIFESTAZIONE NAZIONALE AD ACERRA

SABATO 13 OTTOBRE 2007

ore16 STAZIONE CENTRALE F.S. ad ACERRA

concentramento a NAPOLI ore15 PIAZZA GARIBALDI

Rete Campana dei Comitati per la difesa della salute e dell’ambiente

Rifiuti Zero Campania

Per info/contatti/adesioni: retecampanasaluteambiente@noglobal.orghttp://www.noglobal.org – 3477876909

Prime adesioni: Comitato contro il megainceneritore di Acerra, ComER – Comitato Emergenza Rifiuti – San Nicola La strada – Caserta –

San Marco EV, Coordinamento dei comitati per la difesa del territorio Area Vesuviana, Comitato Serre per la vita, Presidio contro la

discarica di Serre, Comitato Carmine Iuorio 23 febbraio – Campagna, Coordinamento uniti per l’ambiente – Giugliano, Qualiano, Villaricca,

Comitato salute/ambiente – Salerno, Assise cittadina per Bagnoli, Coordinamento dei comitati per l’acqua di Napoli e provincia, Comitato

in difesa del vallone di San Rocco, Comitato contro la centrale di Vigliena, Comitato acqua pubblica Salerno, Comitato di lotta delle vele di

Scampia, Comitato contro il termovalorizzatore di Salerno, Comitato “Rio Corbore” Ischia, Comitato Allarme Rifiuti Tossici di Napoli,

Comitato Civico di San Salvatore Telesino, Rete Rifiuti Zero agro nocerino-sarnese, Comitato contro l’inceneritore di rifiuti speciali e

industriali di Nocera Inferiore

Area Antagonista Campana, RdB Precari Autorganizzati (Banchi Nuovi, UdN, MdA Acerra B.Buozzi), Conf. COBAS, RdB/CUB Campania, MdA

Storico Ex Macello, Assise di Palazzo Marigliano, CSOA Officina 99, Laboratorio Occupato SKA, CSOA DAMM, Laboratorio Occupato

Insurgenzia, Red Link, Sinistra Critica, PMLI Campania, Ass. Attac – Fronte Popolare Giugliano, Comitato Attac Napoli, C.S.O.A. Asilo

Politico (SA), P.C.I.M-L, centro sociale Buco1996′ Gioi (SA), WWF Campania, sezione del PdCI “U. Terracini” di Caserta, S.L.A.I. COBAS

AMBIENTE di Acerra, I Grilli Acerrani – Gli Amici di Beppe Grillo di Acerra, Forum ambientalista, TanaLab Aversa, Bottega equo solidale

Tutta n’ata storia – Nocera Inferiore

Rete Nazionale Rifiuti Zero, Coordinamento Dei Comitati Della Piana-Firenze, Prato, Pistoia, La Rete ambientalista della provincia di

Alessandria, I Coordinamento dei Comitati della Fraschetta, Medicina democratica Movimento di lotta per la salute, Assemblea del presidio

permanente “Giulio Maccararo” Montale (PT), “Collettivo liberate gli Orsi” Pistoia, Alternativa Comunista, Comitato “le nuove resistenze”,

Presidio permanente No Dal Molin, Comitati NO TAV, Coordinamento siciliano dei comitati contro gli inceneritori, Movimento per la Difesa

del Territorio Calabria, Presidio permanente no alle discariche Grottaglie-S.Marzano (TA)

www.noglobal.org


Clicca qui!

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

« Articoli precedenti

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...