Pur di aumentare le vendite mettono le tette anche a Babbo Natale

Posted on dicembre 2, 2007. Filed under: Attualità, Comico, Curiosità, Internet, Ironia, Italia, MalagutiMania, News in Italia, Novità, Telefonia, Tim | Tag:, , , , , , , |

Image Hosted by PicturePush - Photo and Video Sharing

Non voglio fare la parte del vecchiaccio che critica tutto ma secondo me non è il caso di mettere le TETTE anche a Babbo Natale.

Avrete sicuramente visto tutti la pubblicità della Tim con la ragazza in Bikini che sponsorizza la promozione di Natale della TIM.

Mettere una femmina nuda lo sappiamo chè è una mossa vincente, ma quel che dico io anche a Babbo Natale ma daiiiii…..

siamo così stupidi che compriamo una cosa solo perchè cè una con le TETTE da fuori….

non vi sentite un pò offesi? Bhe io si anche se la promozione della TIM comunque non la faccio perchè non la ritengo vantaggiosa.

Povero Babbo Natale 🙂 

p.s. non le potevano mettere alla Befana che era meglio 😉

 Clicca qui!

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

5 Risposte to “Pur di aumentare le vendite mettono le tette anche a Babbo Natale”

RSS Feed for MalagutiMania–>%Blog”!?@# quando Google non basta! Comments RSS Feed

Concordo totalmente con il tuo disappunto. E mi chiedo chi stia messo peggio tra chi compra un cellulare solo perché lo pubblicizza la Canalis in bikini e la Canalis medesima che, sia pur in cambio di tanto denaro (almeno presumo sia tanto) accetta di degradare a tal punto la propria dignità. Sia chiaro: nulla contro una bella ragazza in bikini, ma dipende dal contesto.
In una spiaggia (o nella pubblicità di un costume da bagno) ha un senso, per pubblicizzare una tariffa telefonica molto meno…

Ciao,
Mr. Hamlin

Per come la penso io la gente non comprerà un telefonino o farà l’abbonamento a Tim solo perchè hanno messo le tette a quella lì (è la Canalis giusto?)!
Il problema però è che i cosiddetti “operatori della comunicazione” ritengono altresì che le cose funzionino proprio in questo modo e continuano ad offrirci squallidi contenuti ai quali ci siamo ormai assuefatti. Le conseguenze sono serie… Ci stiamo disabituando a pensare ed a problematizzare… In poche parole abbiamo completamente abbattuto il nostro filtro critico perchè non vale la pena prestare attenzione al marasma che ci viene propinato. È così che per noi la partecipazione attiva alla vita politica è diventata il V-day, siamo convinti di essere costantemente dalla parte della ragione e non ci mettiamo mai in discussione. Siamo pronti a scagliare simboliche monetine contro i politici che varano la finanziaria, ma non abbiamo il coraggio di mandare a cagare i giornalisti che quotidianamente ci di propinano i loro “occupazione in crescita”. Sono un giovane, intorno a me sento il disagio di una generazione senza prospettive culturali, politiche o professionali, e la cosa grave è che se non lo accetto, quantomeno lo subisco passivamente!!! Me ne vergogno, ne soffro il disagio ma non so che fare. Mi documento, studio, cerco di capire come vanno le cose ma non so che fare… E tutto questo mi deprime

Io condivido entrambi i vostri pensieri e dico che molto probabilmente la pensiamo allo stesso modo e per fortuna nostra abbiamo ancora gli occhi per vedere le orecchie per sentire ed una testa per farla funzionare.

In poche parole non siamo polli da supermercato!!!

Personalmente mi batto su tutto cerco di dare una mano a tutti cerco di informare e far riflettere, ma la battaglia più grande la stò combattendo a casa.

Da sei mesi stò cercando di cambiare la mentalità dei miei genitori, persone intelligenti, una volta…

adesso dipendenti dalla TV e dall’offerta, suscettibili ed emotivamente condizionati dalle notizie date al telegiornale

se riuscirò a svegliarli dalla catalessi avrò vinto una grande battaglia.

Bistekka le iniziative come il V Day servono a questo a svegliare le persone ad indurle a ragionare, a farle rendere conto che come te siamo in milioni in Italia a non voler subire, dobbiamo solo organizzarci.

E ricordate che per ottenere qualcosa bisogna soffrire e fare, le parole non bastano.

Mi piacerebbe che tutti quelli che leggono quest’articolo dessero una risposta, perchè vedo che è stato letto da parecchi e mi piacerebbe scoprire che non lo han letto solo perchè nel testo del titolo c’era la parola TETTE, altrimenti buona promozione TIM ahahhahahahahhahahahah 🙂

La gente ormai crede inconsapevolmente che la vita di una persona debba essere riempita con le puttanate di telegiornali e approfondimenti stile Studio Aperto, la pubblicità è la forma più avanzata di modificazione costante della mente delle persone, ma i danni maggiori derivano comunque da ciò che dovrebbe definirsi informazione, la realtà risulta distorta con tutte le conseguenze; cioé i valori crollano e la verità passa in secondo piano sull’onda dell’emotività, della notizia fresca e nuova, della tragedia più cinematografica ecc… Mi fermo, non voglio aggiungere nient’altro, ormai la nostra realtà non è solo liquida, come direbbe Bauman, sta evaporando, non ha più confini e valori fondanti. Fortunatamente la realtà non è solo quella televisiva, questa è l’unica salvezza che abbiamo

Beh…le femmine a che cosa servono?


Where's The Comment Form?

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: