La prossima volta Zalayeta spaccherà la testa a Buffon…

Posted on ottobre 30, 2007. Filed under: Italia, Napoli, News in Italia | Tag:, , , |

La 2 giornate di squalifica inflitte all’attaccante del Napoli precipitano il calcio italiano nel ridicolo: due anni fa Gigi finì in ospedale con una spalla rotta perchè Kakà preferì non saltarlo – Una sanzione che è un’istigazione a cercare lo scontro

la squalifica di Zalayeta lo fa davvero contento?Gigi Buffon: la squalifica di Zalayeta lo fa davvero contento?

Martedì, 30 Ottobre 2007

La prossima volta Zalayeta si farà furbo: continuerà la sua corsa, rovinerà addosso a Buffon – magari mandandolo all’ospedale come capitò a Kakà che senza volerlo, nel Trofeo Berlusconi 2005, provocò a Gigi la lussazione di una spalla – e in un colpo solo eviterà: 1) la fatica di saltare l’avversario; 2) le polemiche per un rigore che non c’era; 3) le 2 giornate di squalifica per il tuffo-simulazione.

L’isterica reazione juventina ai fatti di Napoli e l’indegno “dalli all’arbitro” dei mass media – giornali e tivù, nessuno escluso – hanno finito col precipitare il calcio italiano nel baratro del ridicolo: perché ridicola deve definirsi la squalifica inflitta a Zalayeta dal giudice sportivo. Ridicola e grave. La sanzione inflitta all’attaccante del Napoli crea infatti un precedente pericolosissimo: autorizza cioè, e quasi invita gli attaccanti lanciati in area a tutta velocità – e davanti ai quali si materializzi il portiere in uscita – a non fermare la propria corsa e a non cercare di evitare l’impatto, ma a continuare l’azione cercando proprio di andare ad incocciare il corpo dell’avversario. In questo modo, se l’arbitro Bergonzi di turno fischierà calcio di rigore, nessuno avrà nulla da ridire e persino il Cobolli Gigli della situazione eviterà di andare in tivù a piangere e strepitare; il solo a piangere, per il dolore, sarà il malcapitato Buffon di turno, uscito dal campo non per il cartellino rosso dell’arbitro, ma in barella, magari per un infortunio serio. Un infortunio serio che a Buffon, per l’appunto, è capitato davvero. Non più tardi di due estati fa, come il portiere juventino ricorda benissimo, Gigi si fece male perchè Kakà non saltò per evitarlo (ma nessuno gli diede la croce addosso come a Zalayeta oggi). Quell’incidente, per la cronaca, costrinse Buffon a rimanere fuori squadra per l’intero girone d’andata.

Guarda caso, Buffon è stato ospite, domenica sera, a “Controcampo Diritto di replica”, il programma condotto da Alberto Brandi (Italia 1). Ebbene: con la sincerità che lo contraddistingue, Gigi ha detto che l’errore davvero grave commesso dall’arbitro è stato il primo (rigore per caduta di Lavezzi) e non il secondo. “Sul rigore concesso a Zalayeta – ha spiegato – posso capire Bergonzi: la prospettiva poteva trarlo in inganno, io andavo vero Zalayeta, lui andava verso di me. La traiettoria era la stessa, non era facile capire se l’impatto fosse avvenuto oppure no”. Particolare non trascurabile: Buffon era uscito a gamba tesa ma Zalayeta l’aveva nettamente anticipato nell’intervento sulla palla. A quel punto, o Zalayeta saltava (come ha fatto, forse troppo platealmente), oppure lui e Buffon sarebbero andati allo scontro. E chi andava a tutta velocità era l’attaccante.

Il Napoli ha deciso di non presentare ricorso contro le 2 giornate di squalifica di Zalayeta: e merita una montagna di complimenti, specie dopo avere visto il Milan ricorrere per Dida (sceneggiata di Glasgow) e l’Inter ricorrere per i vari Burdisso, Cordoba & company (scazzottata di Valencia). Ma la verità è che contro le 2 giornate di squalifica inflitte a Zalayeta dovrebbero ricorrere Buffon e tutti i portieri, d’Italia e del mondo. Perché Bergonzi, magari, avrebbe fatto meglio a non fischiare il rigore del 3-1 per il Napoli; ma la cosa certa è che Zalayeta, saltando Buffon ed evitando di franargli addosso, ha fatto la cosa migliore. La più corretta e per la quale andrebbe ringraziato, e non certo squalificato.

Dimenticavamo: non sarebbe male chiedere un parere sulla vicenda a Cech, il portiere del Chelsea. L’avete presente? È considerato il miglior portiere del mondo dopo Buffon e da un anno a questa parte gioca con un casco stile football americano perché un attaccante avversario gli ha sfondato il cranio con una ginocchiata…

P.S. Contrariamente a quanto annunciato lunedì, il Napoli ha deciso di presentare ricorso d’urgenza avverso le 2 giornate di squalifica comminate a Zalayeta avendo ravvisato, nelle immagini televisive di una emittente campana (Canale 34), gli estremi di un fallo di Legrottaglie, scorrettezza che sarebbe all’origine della caduta dell’attaccante.

Tratto da http://www.paoloziliani.it

Zalayeta: Napoli ricorre, le immagini lo scagionano

Le nuove immagini che il Napoli produce ora nel ricorso non sono dell’emittente televisiva citata. Il Napoli ha deciso di presentare il ricorso contro la squalifica di Zalayeta anche in considerazione di un altro specifico passaggio della sentenza del giudice sportivo nel quale Tosel scrive: “E’ di tutta evidenza che la caduta dello Zalayeta non sia stata determinata dall’azione di alcun calciatore avversario, né da parte di Le Grottaglie, affiancatosi allo Zalayeta senza incidere in alcun modo sul suo procedere, né tanto meno da parte del Buffon, ‘sorvolato’ dall’avversario senza alcun contatto fisico“. Secondo il Napoli le nuove immagini che Tosel non ha mai visto o che, comunque, non ha tenuto presenti, cambiano completamente lo scenario descritto dal giudice sportivo.

Per la società azzurra, infatti, l’essere stato strattonato da Legrottaglie discolpa Zalayeta che va, dunque, assolto. Inoltre, considerando il fallo di Legrottaglie da ultimo uomo, il Napoli diventa, nella circostanza, una squadra penalizzata dalla mancata espulsione del difensore juventino. La questione diventa quasi più di principio che di sostanza: Zalayeta, infatti, proprio in quell’azione, nel ricadere al di là di Buffon – il calciatore sostiene di averlo ‘saltato’ apposta per evitare danni a se stesso ed al portiere della Nazionale – si è procurato una fortissima contusione al costato che gli impedisce di piegarsi.

Fonte Ansa

Clicca qui!

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: