Poste Italiane entra nel settore Mobile, è una buona notizia?

Posted on marzo 27, 2007. Filed under: Attualità, Generale, Italia, News in Italia, Novità, Poste, Telefonia |

 Innanzitutto riportiamo la notizia per quanti non lo sapessero ancora.

Fonte punto-informatico.it

Roma – Nessun dubbio: all’indomani dei primi rumors riportati da IlSole24Ore arrivano le conferme. Poste Italiane si appresta a diventare operatore mobile virtuale grazie ad una partnership con Vodafone. E questo si tradurrà nella possibilità per Poste di offrire marchio e tariffe propri attraverso la rete distributiva, 14mila sportelli la cui penetrazione sul territorio non potrà che giovare all’iniziativa.

Che sia proprio Vodafone il partner scelto da Poste non deve sorprendere. Di recente l’operatore aveva dichiarato dinanzi all’Autorità Antitrust di voler concludere un accordo con un operatore virtuale entro fine marzo. “Un accordo – aveva specificato Vodafone – giuridicamente vincolante, preparatorio o definitivo, avente ad oggetto la fornitura di servizi di accesso wholesale alla propria rete di comunicazione mobile presente in Italia”.A definire tutti i dettagli di quello che qualcuno già legge come un terremoto in arrivo sul fronte tariffario sarà il Consiglio di amministrazione di Poste, che si riunirà oggi. Quanto fatto trapelare da Poste rappresenta in realtà la concretizzazione di una tendenza che ha già visto avvicinarsi al mondo della telefonia soggetti della grande distribuzione: in prima fila, e a caccia di partnership risolutive, ci sono colossi come Coop, Conad, Auchan.Queste realtà, che possono contare su una invidiabile presenza sul territorio, ambiscono ad accedere al mercato della telefonia mobile, al titolo di MVNO (operatore mobile virtuale) o almeno di ESP (Enhanced Service Provider), figura che si pone a metà strada tra l’operatore mobile reale e quello virtuale, che vende servizi a proprio nome ma appoggiandosi alla struttura di rete e amministrativa del partner.Quando partirà Poste? Molte cose si sapranno oggi: non mancano gli ostacoli tecnici ma è certo che sia Agcom che Antitrust, condividendo peraltro l’orientamento del Ministro delle comunicazioni, vedono con favore l’ingresso di nuovi soggetti nel mercato mobile. In altri paesi, ricordano molti in queste ore, l’esplosione del fenomeno dei MVNO, lungi dal complicare la vita agli utenti, si è tradotto in un aumento decisivo della concorrenza e in una spinta al ribasso delle tariffe.

 Rispondendo alla domanda che fà da titolo a quest’articolo, rispondiamo si spera!

 Si spera perchè ci sono prerogative che la società Posteitaliane potrebbe portare nel settore mobile o forse no.

Certo che da quando le poste sono state privatizzate, la situazione è cambiata, come si dice da “così a così”.

Sino ad arrivare all’avvento del prodotto Bancoposta, secondo noi il migliore ed il più trasparente conto corrente in Italia, anche se ovviamente si può fare di meglio 😉

Il migliore, perchè ha le spese di gestione tra le più basse e sopratutto le operazioni, come trasferimento fondi e pagamenti sono certamente i più bassi, ricordiamo che un Bonifico Estero (on-line) con il Bancoposta costa 1€ !!!

Il più trasparente perchè sono obbligati ad esserlo, non ci può essere un impiegato delle Poste (per quanto viscido possa essere) che vi riporti informazioni sbagliate o vi possa abbindolare pur di farvi aprire un conto, in quanto non ci sono incentivi, come invece sicuramente molte banche hanno e questo quindi è un’altro punto a favore.

Una società Italiana che sulla prima pagina del suo sito riporta da mesi “Bilancio record per Poste Italiane
In forte crescita Utile Netto (+94%) “……. quindi probabilmente i prodotti della Posta sono molto apprezzati dai suoi clienti.

Ritornando al fatto che le Poste si apprestano ad entrare nel settore della Telefonia Mobile, noi tutti speriamo che nasca un operatore più serio, meno assatanato ed avido di denaro e soprattutto meno bugiardo.

Si diciamolo, non esiste nessuna compagnia telefonica che non tenti tutti i giorni di fregare il proprio cliente e sopratutto un potenziale futuro cliente.

Quante centinaia di asterischi  abbiamo seguito con gli occhi in fondo alle pagine, con la speranza di aver trovato la tariffa o la promozione più conveniente ed adatta a noi, per poi essere riportati a leggere condizioni contrattuali da panico.

Mentre nel titolo a caratteri cubitali ci dicono “Telefona gratis verso tutti a tutte le ore, ti diamo anche il telefonino gratis” poi vai a leggere in fondo e troviamo l’amico asterisco (conquista dei consumatori non troppo lontana ndr.) che dice che ci vogliono almeno 60€ al mese, carta di credto ecc ecc… 😦

Oppure l’ultima, quella dovi ci sono tre super modelle che ti annunciano il primo abbonamento a canone zero, costo zero ecc ecc… e poi seguendo sempre l’amico asterisco scopriamo che ci stanno prendendo nuovamente in giro 🙂

A questo punto non ci resta che sperare ed augurare alle Poste di essere un operatore telefonico migliore e soprattutto più onesto dei suoi concorrenti.

Poste italiane entra nella telfonia mobile


 Clicca qui!

Annunci

Make a Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: